Archive for the ‘blog’ Category

Contattaci – https://elettromeccanicacuprum.com/contatti/


Bicicletta a pannelli solari – https://elettromeccanicacuprum.com/bicicletta-a-pannelli-solari/


Sanificazione degli ambienti: come, quando e perché!

In un momento particolare come quello che ciascuno di noi sta vivendo a causa del Covid 19 da un anno a questa parte, l’attenzione alla qualità dell’aria che viene respirata è diventata sempre maggiore.

Ci si protegge con l’utilizzo di mascherine, si cerca di arieggiare i locali, soprattutto quelli affollati ed è aumentato in maniera esponenziale l’utilizzo di strumenti di sanificazione ambientale.

Bioxigen, il sanificatore d’aria in grado di abbattere germi, pollini e batteri di ogni tipo grazie alla sua azione ossidante e che può essere installato in qualsiasi ambiente, all’interno dell’azienda o della propria abitazione.

Prima di tutto è importante conoscere le differenze tra pulizia e sanificazione ambientale. Nel primo caso si provvede all’eliminazione dello sporco visibile come macchie, polvere o eventuali rifiuti, mentre nel secondo caso si procede con un intervento più specifico, che può anche essere previsto obbligatoriamente per legge, volto a ridurre la carica di microrganismi. Tutte le misure di sanificazione ambientale sono atte a ridurre la presenza di batteri, acari, e molti altri tipi di germi. Questo tipo di intervento dovrebbe essere svolto con costanza soprattutto nei luoghi chiusi come palestre, uffici, industrie e altri locali nei quali è necessario garantire un adeguato livello di qualità dell’aria.

La sanificazione ambientale quindi è un’operazione mirata a eliminare a fondo qualsiasi tipo di batterio o agente contaminante che non è possibile rimuovere in altro modo.

Quando si deve effettuare la sanificazione ambientale?

La sanificazione ambientale dovrebbe essere effettuata con regolarità e non in modo saltuario. Esistono delle norme che obbligano specifiche attività industriali a svolgere in modo costante questi interventi, per garantire la salute di chi occupa e lavora in determinati spazi. 

Gran parte della popolazione trascorre la maggior parte del tempo in luoghi chiusi come aule, uffici, biblioteche e palestre. Ecco perché è fondamentale, per i datori di lavoro e i gestori degli spazi chiusi, assicurare una pulizia costante dell’aria che viene respirata. Anche il semplice gesto di aprire le finestre garantisce da un lato aria fresca ma dall’altro non garantisce che quell’aria sia pulita. Stessa cosa vale per gli impianti di climatizzazione che, se non puliti in modo adeguato, possono diffondere cattivi odori e batteri.

La sanificazione dovrebbe essere effettuata con continuità, per garantire in ogni momento e a chiunque viva gli ambienti chiusi di poter godere di aria sana e pulita.

Quali sono i soggetti ai quali è fortemente consigliato lo svolgimento di queste attività di sanificazione?

Gli interventi di sanificazione sono obbligatori in molti settori, in base a quanto previsto dalle norme igienico sanitarie che devono essere rispettate per poter svolgere determinate attività.

I settori nei quali la sanificazione non può mancare sono il settore alberghiero e della ristorazione, il settore ospedaliero, il settore alimentare, nei luoghi di lavoro (come gli uffici) e nei punti di aggregazione (come le palestre).

Cuprum è da tempo attiva in questo ambito fornendo i propri sanificatori d’aria Bioxigen che sono l’ideale per chi desidera una sanificazione degli ambienti continua. Bioxigen grazie alla sua azione ossidante, elimina germi, batteri, pollini e cattivi odori. Molto consigliato soprattutto per le attività industriali o nelle strutture alberghiere e della ristorazione.

I sanificatori d’aria possono essere comodamente installati anche in casa, per tutelare soprattutto i più piccoli o chi ha problemi respiratori. Bioxigen è il primo passo per risolvere problemi di polvere, acari, allergie respiratorie, allergie a cani e gatti o al lattice.

Per maggiori informazioni contattaci o richiedi un preventivo, i nostri esperti sapranno guidarti nella scelta migliore!!


Fotovoltaico

Impianti fotovoltaici: risposte a domande frequenti

In questo articolo vogliamo rispondere ad alcune domande che spesso ci vengono fatte riguardo l’installazione di un impianto fotovoltaico. 

Anzitutto chiariamo che cos’è un impianto fotovoltaico, ossia un sistema che sfrutta le radiazioni solari per generare corrente elettrica continua tramite l’effetto fotovoltaico. Trasformata in corrente alternata, tramite un inverter, può essere utilizzata per alimentare gli apparecchi elettrici della nostra casa (lavastoviglie, scaldabagno, forno elettrico, tv, aspirapolvere).

La domanda in assoluto più frequente è: “Posso installare un impianto fotovoltaico a casa mia? Se si, mi conviene?”

Partiamo con il dire che è possibile installare un impianto fotovoltaico in ogni tipologia di abitazione, previa analisi della solidità della struttura, che possieda lo spazio necessario al collocamento dei moduli fotovoltaici, curandosi di orientarli a Sud, per ottenere il massimo rendimento e in zone che non presentano ombre, comignoli o ostacoli all’irraggiamento solare.

Le possibilità di installazione di un impianto fotovoltaico sono 5:

·         Sopra il tetto, tramite fissaggio sul telaio

·         Integrato nel tetto, con una integrazione nel tetto stesso

·         Sulla facciata

·         Montati a terra

·         Nel terrazzo o balcone

Chiaramente, in base alla disponibilità di spazio, limiti strutturali, scelte soggettive e valutazioni di tecnici specializzati, viene definito caso per caso il posizionamento migliore dei pannelli.

“L’impianto solare funziona anche con basso irraggiamento solare o in giornate piovose?”

Si, i moduli fotovoltaici sono in grado di catturare ogni piccola radiazione solare anche in condizioni di cielo coperto o pioggia e convertirli in energia. Chiaramente in termini di energia prodotta i valori saranno più bassi proprio nei giorni coperti piuttosto che nei giorni di pieno sole. Inoltre contano molto anche un buon posizionamento e il corretto orientamento.

“In inverno, il peso della neve può danneggiare i pannelli fotovoltaici?”

Al momento dell’installazione, il tetto viene sottoposto a test e verifiche che ne accertano la resistenza della struttura in caso di un ulteriore peso sulla copertura, come in presenza di neve. Il problema non sussiste se i pannelli vengono installati in altri punti anche se, in ogni caso, si rileva una sensibile riduzione  a livello di produzione di energia elettrica.

“Occorrono dei lavori di muratura per integrare il sistema elettrico?”

No, in quanto l’impianto fotovoltaico è progettato per avere la massima integrazione con i tradizionali impianti elettrici.

“A che cosa servono i sistemi di accumulo?”

I sistemi di accumulo di energia permettono di accumulare l’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico in modo da poterla riutilizzare nei momenti in cui l’impianto non produce energia, come ad esempio di notte.

Esistono diversi sistemi di accumulo fotovoltaico.

Sistema di accumulo: Grid Connected 

Questo tipo di impianto è connesso alla rete nazionale. Il sistema è formato da moduli fotovoltaici, inverter per la connessione in rete, dispositivo di interfaccia e contatore di produzione.

Grazie al funzionamento dell’inverter vi è una distribuzione intelligente di energia all’accumulo o alla rete esterna.

Durante il giorno, l’energia prodotta viene utilizzata per gli elettrodomestici in funzione. Quando i consumi di energia sono inferiori alla produzione, l’inverter carica le batterie con l’energia non utilizzata nell’immediato, in modo da renderla disponibile nelle ore di minor irraggiamento solare.

Il grande vantaggio di questo sistema è la possibilità di sfruttare al 100% l’energia prodotta dai pannelli.

Il sistema di accumulo fotovoltaico: Impianto a isola

Il sistema a isola non è connesso alla rete nazionale e quindi non permette di rivendere l’energia prodotta in eccesso. 

Apparte questa caratteristica, il funzionamento dell’impianto a isola permette sia di utilizzare l’energia prodotta durante il giorno per i consumi diurni, che di accumulare l’energia in eccesso e di immagazzinarla nelle batterie di accumulo per usarla nei momenti di necessità, senza però poterla scambiare con la rete.

Se vuoi avere maggiori informazioni, o hai altre domande sugli impianti fotovoltaici, contattaci senza impegno! 


installatore

Impianto di videosorveglianza: facciamo un po’ di chiarezza

Gli impianti di videosorveglianza sono lo strumento più utilizzato nei luoghi pubblici e privati per monitorare le aree di interesse e verificare, nella maggior parte dei casi, che non si concretizzino atti criminali o per avere le prove dell’accadimento di fatti lesivi del diritto di proprietà.

Partendo da queste considerazioni si può dire quindi che l’efficacia del sistema di videosorveglianza è sicuramente l’elemento fondamentale da considerare lungo tutto il processo di realizzazione di tali impianti.

La prima fase nella realizzazione di un sistema di videosorveglianza consiste nel fissare l’obiettivo per il quale si intende realizzare tale impianto. Partire dall’obiettivo che il cliente vuole raggiungere consente di fare chiarezza su una molteplicità di aspetti conseguenti che verranno poi valutati e gestiti in fase di progettazione. Generalmente a questa fase corrisponde anche un sopralluogo della struttura da parte dei tecnici specializzati, per capire non solo i vincoli tecnici che bisognerà considerare ma soprattutto per avere delle informazioni complete rispetto a punti critici da monitorare, particolari restrizioni del campo visivo dovute ad elementi statici o dinamici piuttosto che altre variabili rilevanti.

Dopo aver definito l’obiettivo e analizzato la struttura inizia la fase di progettazione dell’impianto di videosorveglianza.

Questa fase di progettazione è alquanto delicata e deve essere svolta da personale tecnico specializzato con esperienza nel settore. Cercare di improvvisare un impianto di videosorveglianza nella maggior parte dei casi non ne garantisce l’efficacia e soprattutto la regolarità normativa.

La progettazione consiste anzitutto nell’individuare i requisiti funzionali e non funzionali da soddisfare. Si inserisce poi l’area o il punto che si vuole monitorare, che chiaramente è diversa in base alle esigenze e si considerano i limiti tecnico – strutturali individuati nella fase del sopralluogo. Si passa poi alla definizione delle caratteristiche funzionali del sistema, individuando il numero di telecamere e le caratteristiche loro tecnologiche e la loro disposizione per monitorare l’area individuata.

Sempre in questa fase, parlando di vincoli, bisogna considerare sia la normativa sulla privacy che le norme del diritto del lavoro. Le normative vigenti devono essere rispettate in assoluto e non possono esserci elementi che violino tali norme, per questo sottolineiamo l’importanza di affidarsi a tecnici specializzati e competenti nel settore.

Se quindi sei un imprenditore, un responsabile della sicurezza dell’azienda nella quale lavori o semplicemente hai a cuore la sicurezza della tua abitazione e di chi ci vive, ti consigliamo di affidarti sempre a dei professionisti. Creare un impianto di videosorveglianza a circuito chiuso (TVCC) per monitorare la sicurezza della propria casa o azienda è una necessità che sempre più persone hanno.

Non improvvisare un sistema che rischia di non essere funzionante al momento del bisogno o addirittura non rispetta la normativa legale. Affidati alla nostra esperienza e competenza nel settore  per aumentare la tua sicurezza e quella di coloro che vivono o lavorano con te.


Quadro elettrico

L’importanza della manutenzione dell’impianto elettrico

Si potrebbe partire da una semplice domanda alla quale spesso non si sa rispondere. Quando è stata l’ultima volta che hai fatto controllare l’impianto elettrico della tua abitazione? Normalmente le risposte sono due: “molto tempo fa” o “mai”.

Il fatto che l’impianto elettrico sia nascosto e che non si veda non significa che tu possa fare a meno di prendertene cura. Solitamente i sistemi elettrici sono prodotti all’epoca in cui è stata costruita la casa e questo, soprattutto per le abitazioni più vecchie, significa spesso inadeguatezza e sovraccarichi del sistema per soddisfare il fabbisogno di energia quotidiano.

Vogliamo ricordarti, come facciamo sempre con i nostri clienti, che è fondamentale avere un impianto elettrico a norma, non solo per il rispetto formale della normativa vigente, ma anche per ridurre il rischio di incendi, folgorazioni o altre conseguenze spiacevoli che potrebbero accadere. Dai dati emerge un rilevante numero di incidenti domestici originati da cause elettriche, quasi 500 al giorno.

Quello che alcune volte non viene compreso è che, richiedere la manutenzione dell’impianto elettrico non significa dare il via libera al rifacimento dell’intero sistema, ma semplicemente affidarsi a tecnici specializzati che, effettuato un sopralluogo e analizzati i punti critici, siano in grado di rilevare eventuali problemi o malfunzionamenti. Non per forza il sistema elettrico presenta sempre dei problemi, ma avere la certezza che tutto funzioni a regola d’arte riduce i rischi e le preoccupazioni connesse.

L’impianto elettrico con il passare del tempo si usura e deve essere sottoposto a controlli periodici.

Se non hai mai richiesto una manutenzione o lo hai fatto troppo tempo fa, ti invitiamo a contattarci, per evitare che ciò che poteva essere un semplice rischio si trasformi in una conseguenza dannosa.

Cuprum è specializzata nella realizzazione e manutenzione di impianti elettrici. Grazie all’esperienza e alla professionalità che ci contraddistinguono, molti clienti periodicamente si affidano a noi per un semplice controllo del loro impianto elettrico. Per un’abitazione più sicura contattaci e riceverai subito un preventivo gratuito per il tuo intervento.


Elettromeccanica Cuprum all’I.I.S. Segato per parlare di futuro e di lavoro

Nella giornata di sabato 14 dicembre Mirko Costa ha preso parte all’incontro di orientamento intermedio per la scelta del triennio di specializzazione presso l’I.I.S. Segato, organizzato da Confindustria Belluno Dolomiti e Gruppo Giovani Imprenditori CBD.

 


A tutto green, l’impegno di Cuprum si vede (anche) dai mezzi di servizio

Entro tre anni la metà dei mezzi di servizio di Cuprum sarà ad alimentazione elettrica: ecco il progetto ambizioso dell’elettromeccanica bellunese.

Cuprum ha da sempre a cuore la mobilità green. E lo dimostra ancora una volta, con un progetto preciso e concreto: entro tre anni, il 50% dei mezzi di servizio dell’azienda elettromeccanica bellunese sarà elettrico.
Questo obiettivo così ambizioso, a tutt’oggi, sembra perfettamente raggiungibile, anche grazie al favorevole andamento del mercato elettromeccanico e fotovoltaico. Andamento positivo confermato anche dal numero e dall’importanza delle commesse che Elettromeccanica Cuprum ha in tutto il territorio della provincia di Belluno, e non solo. Insomma, tutto lascia pensare che in tempi relativamente brevi ci sarà la necessità di investire in nuovi furgoni, per potenziare il servizio e assecondare il trend di crescita dell’azienda. E questi furgoni saranno, appunto, elettrici, nel rispetto della filosofia aziendale, attenta all’ecosostenibilità e all’ambiente.

Il progetto è definito, e prevede un uso congiunto di mezzi ad alimentazione elettrica e tradizionale, sfruttando i peculiari vantaggi di ciascuna tecnologia. Nel caso in cui ci sia la necessità di spostamenti importanti nelle regioni limitrofe, i collaboratori di Cuprum continueranno a muoversi con mezzi tradizionali, più affidabili nelle lunghe tratte, soprattutto in termini di autonomia. Ma da Feltre a Cortina è realistico pensare che ogni spostamento sia green, soprattutto in vista di una crescita del numero dei punti di rifornimento nel Bellunese.

Mirko Costa, uno dei titolari di Cuprum, spiega: “Il nostro intento è anche sensibilizzare i clienti e le istituzioni riguardo a una tematica innovativa, ma che a breve sarà cruciale in tutto il Paese. Riteniamo sia fondamentale, per esempio, avere un concreto piano di installazione di punti di ricarica in tutta la provincia, in tempi brevi. Il mercato e la mentalità stanno cambiando rapidamente”.

L’azienda bellunese, che da oltre quarant​ʼanni offre i suoi servizi al mercato dell​ʼimpiantistica, negli ultimi anni si è specializzata nell’installazione di impianti per la mobilità elettrica. Ricordiamo solamente alcuni degli ultimi episodi che l’hanno vista protagonista: risale a poche settimane fa l’installazione di cinque punti di rifornimento gratuiti, voluti dal titolare del Ristorante la Stanga di Sedico, e ben quattro delle cinque colonnine nel centro di Belluno sono state installate proprio da Cuprum (come riporta l’articolo di Alessia Forzin uscito sul Corriere delle Alpi).


CERCHIAMO ELETTRICISTI!

Per ampliamento organico, siamo alla ricerca di 4 (quattro) elettricisti con esperienza. 

I candidati che cerchiamo dovranno rispondere a questi requisiti: 

Tipo candidato
Con esperienza

Titoli Preferenziali
La ricerca è rivolta prettamente a figure che hanno maturato esperienza come:

  • elettricista
  • perito elettrotecnico
  • manutentore elettromeccanico
  • perito elettronico

Titolo di studio
Diploma, preferibilmente ad indirizzo tecnico Itis/Ipsia

Sede di lavoro
Belluno

Contratto di lavoro: l’ annuncio ha finalità di inserire la figura a tempo indeterminato, previo periodo di prova.

Se credi di essere la persona che stiamo cercando, candidati subito!
Inviaci il tuo cv ad info@cuprum.it 


palestra roccia cortina

La palestra di roccia di Cortina

Chi ci conosce sa bene che noi di Elettromeccanica Cuprum siamo abituati a lavorare in condizioni particolari, spesso in aree difficili da raggiungere o complicate da gestire logisticamente.
Uno dei lavori da poco terminati dalla nostra bella squadra ha a che fare con l’arrampicata.
Continua a leggere questo articolo e scopri quale progetto abbiamo concluso con successo e (tanta) soddisfazione.

Installatori diventano rocciatori.

A Cortina, c’è una bellissima area dedicata agli sportivi dove si trovano i campi da tennis e lo stadio del ghiaccio. Sempre in quest’area è stata da poco realizzata una moderna palestra per l’arrampicata indoor.

Noi di Elettromeccanica Cuprum ci siamo occupati di installare tutta la parte dell’impiantistica per l’intera struttura.

Non è stato proprio un gioco da ragazzi, ma ci siamo divertiti e alcuni di noi hanno scoperto una nuova passione.
I sei installatori che Cuprum ha messo a parete nella realizzazione di questa importante commessa sono diventati dei veri e propri rocciatori, superando un test che gli ha dato l’abilitazione per lavorare su pareti a strapiombo e tralicci.

Così i nostri ragazzi hanno lavorato sulle pareti della palestra di roccia di Cortina.
Pareti che non solo lisce ma spigolose, piene di guglie, rientranze e solchi, proprio come quelle di una vera montagna. Pareti che arrivano ad un’altezza di 24 metri.

Palestra, ma non solo.

Oltre all’area che ospita la vera e propria palestra, con una superficie arrampicabile, di circa 900 mq, la struttura ospita anche una biblioteca dedicata all’alpinismo, un ufficio informazioni, una zona wi-fi e il bar.
I nostri installatori hanno realizzato gli impianti anche di queste aree, ottenendo un ottimo risultato, che potete vedere con i vostri stessi occhi.

La palestra di roccia di Cortina infatti non è una struttura dedicata solo agli appassionati di arrampicata, ma è un vero e proprio punto di incontro per chi ama la montagna, gestita da Gli Scoiattoli di Cortina, un gruppo di arrampicata amatoriale che gestisce l’intera struttura.

 

Scopri cosa possiamo fare per te: richiedici subito un preventivo