A tutto green, l’impegno di Cuprum si vede (anche) dai mezzi di servizio

Entro tre anni la metà dei mezzi di servizio di Cuprum sarà ad alimentazione elettrica: ecco il progetto ambizioso dell’elettromeccanica bellunese.

Cuprum ha da sempre a cuore la mobilità green. E lo dimostra ancora una volta, con un progetto preciso e concreto: entro tre anni, il 50% dei mezzi di servizio dell’azienda elettromeccanica bellunese sarà elettrico.
Questo obiettivo così ambizioso, a tutt’oggi, sembra perfettamente raggiungibile, anche grazie al favorevole andamento del mercato elettromeccanico e fotovoltaico. Andamento positivo confermato anche dal numero e dall’importanza delle commesse che Elettromeccanica Cuprum ha in tutto il territorio della provincia di Belluno, e non solo. Insomma, tutto lascia pensare che in tempi relativamente brevi ci sarà la necessità di investire in nuovi furgoni, per potenziare il servizio e assecondare il trend di crescita dell’azienda. E questi furgoni saranno, appunto, elettrici, nel rispetto della filosofia aziendale, attenta all’ecosostenibilità e all’ambiente.

Il progetto è definito, e prevede un uso congiunto di mezzi ad alimentazione elettrica e tradizionale, sfruttando i peculiari vantaggi di ciascuna tecnologia. Nel caso in cui ci sia la necessità di spostamenti importanti nelle regioni limitrofe, i collaboratori di Cuprum continueranno a muoversi con mezzi tradizionali, più affidabili nelle lunghe tratte, soprattutto in termini di autonomia. Ma da Feltre a Cortina è realistico pensare che ogni spostamento sia green, soprattutto in vista di una crescita del numero dei punti di rifornimento nel Bellunese.

Mirko Costa, uno dei titolari di Cuprum, spiega: “Il nostro intento è anche sensibilizzare i clienti e le istituzioni riguardo a una tematica innovativa, ma che a breve sarà cruciale in tutto il Paese. Riteniamo sia fondamentale, per esempio, avere un concreto piano di installazione di punti di ricarica in tutta la provincia, in tempi brevi. Il mercato e la mentalità stanno cambiando rapidamente”.

L’azienda bellunese, che da oltre quarant​ʼanni offre i suoi servizi al mercato dell​ʼimpiantistica, negli ultimi anni si è specializzata nell’installazione di impianti per la mobilità elettrica. Ricordiamo solamente alcuni degli ultimi episodi che l’hanno vista protagonista: risale a poche settimane fa l’installazione di cinque punti di rifornimento gratuiti, voluti dal titolare del Ristorante la Stanga di Sedico, e ben quattro delle cinque colonnine nel centro di Belluno sono state installate proprio da Cuprum (come riporta l’articolo di Alessia Forzin uscito sul Corriere delle Alpi).


Contattaci – http://elettromeccanicacuprum.com/contatti/


Nuove torrette elettriche e prese per E-bike al Ristorante La Stanga di Sedico

Da oggi due nuove colonne e sei prese elettriche per offrire un servizio gratuito di ricarica agli automobilisti e ai ciclisti di passaggio

Da due settimane sono attive in provincia altre due colonne di ricarica per le auto elettriche insieme a sei prese per le E-bike.

Dove? Negli spazi esterni del Ristorante La Stanga, a Sedico, uno dei pochi ristoranti in provincia a offrire gratuitamente questo servizio.

Lʼidea è venuta a Luca Da Re, titolare del ristorante, che ha visto nel cambiamento della mobilità un mondo su cui investire: molte sono infatti le persone che si spostano con mezzi green, auto o biciclette che siano.
Posto in una zona di passaggio poco dopo la Valle di Piero, nel Parco delle Dolomiti, il ristorante vanta una storia che inizia nei primi del 1800 per arrivare ai giorni nostri: se da un lato lʼarchitettura ricorda ancora quella delle stalle dove avveniva il cambio dei cavalli, dallʼaltro le torrette elettriche si sposano perfettamente con questo contesto, creando un collegamento tra passato e futuro.

E poi il costo zero del servizio per chi ne usufruisce: “Abbiamo notato che alcuni automobilisti si sono già fermati a ricaricare la propria auto – racconta Luca Da Re – e rimangono stupiti del fatto che sia gratuito. Penso che ormai questo debba considerarsi a tutti gli effetti un servizio comune, un po’ come il WiFi. Non solo, vorremmo anche aprire in futuro un noleggio di biciclette elettriche”.
È prevista infatti nei prossimi anni la realizzazione di una pista ciclabile che collegherà Bribano alla Marmolada, attraverso una valle immersa nella natura.
Eʼ questo inoltre un modo per valorizzare il territorio bellunese, sostenendo unʼenergia green che non rovini il paesaggio e lʼaria delle Dolomiti.

Per questo progetto, il Ristorante La Stanga si è affidato alla consulenza di Mondo Energia che ha saputo individuare nei servizi di un’azienda locale la soluzione più idonea al caso: le colonne e le prese sono state infatti fornite da Elettromeccanica Cuprum, l​ʼ​azienda bellunese che da oltre quarant​ʼ​anni offre i suoi servizi al mercato dell​ʼ​impiantistica e che negli ultimi anni si è specializzata nell’installazione di impianti per la mobilità elettrica.


CERCHIAMO ELETTRICISTI!

Per ampliamento organico, siamo alla ricerca di 4 (quattro) elettricisti con esperienza. 

I candidati che cerchiamo dovranno rispondere a questi requisiti: 

Tipo candidato
Con esperienza

Titoli Preferenziali
La ricerca è rivolta prettamente a figure che hanno maturato esperienza come:

  • elettricista
  • perito elettrotecnico
  • manutentore elettromeccanico
  • perito elettronico

Titolo di studio
Diploma, preferibilmente ad indirizzo tecnico Itis/Ipsia

Sede di lavoro
Belluno

Contratto di lavoro: l’ annuncio ha finalità di inserire la figura a tempo indeterminato, previo periodo di prova.

Se credi di essere la persona che stiamo cercando, candidati subito!
Inviaci il tuo cv ad info@cuprum.it 


Realizzazione impianti fotovoltaici – http://elettromeccanicacuprum.com/impianti-fotovoltaici/


palestra roccia cortina

La palestra di roccia di Cortina

Chi ci conosce sa bene che noi di Elettromeccanica Cuprum siamo abituati a lavorare in condizioni particolari, spesso in aree difficili da raggiungere o complicate da gestire logisticamente.
Uno dei lavori da poco terminati dalla nostra bella squadra ha a che fare con l’arrampicata.
Continua a leggere questo articolo e scopri quale progetto abbiamo concluso con successo e (tanta) soddisfazione.

Installatori diventano rocciatori.

A Cortina, c’è una bellissima area dedicata agli sportivi dove si trovano i campi da tennis e lo stadio del ghiaccio. Sempre in quest’area è stata da poco realizzata una moderna palestra per l’arrampicata indoor.

Noi di Elettromeccanica Cuprum ci siamo occupati di installare tutta la parte dell’impiantistica per l’intera struttura.

Non è stato proprio un gioco da ragazzi, ma ci siamo divertiti e alcuni di noi hanno scoperto una nuova passione.
I sei installatori che Cuprum ha messo a parete nella realizzazione di questa importante commessa sono diventati dei veri e propri rocciatori, superando un test che gli ha dato l’abilitazione per lavorare su pareti a strapiombo e tralicci.

Così i nostri ragazzi hanno lavorato sulle pareti della palestra di roccia di Cortina.
Pareti che non solo lisce ma spigolose, piene di guglie, rientranze e solchi, proprio come quelle di una vera montagna. Pareti che arrivano ad un’altezza di 24 metri.

Palestra, ma non solo.

Oltre all’area che ospita la vera e propria palestra, con una superficie arrampicabile, di circa 900 mq, la struttura ospita anche una biblioteca dedicata all’alpinismo, un ufficio informazioni, una zona wi-fi e il bar.
I nostri installatori hanno realizzato gli impianti anche di queste aree, ottenendo un ottimo risultato, che potete vedere con i vostri stessi occhi.

La palestra di roccia di Cortina infatti non è una struttura dedicata solo agli appassionati di arrampicata, ma è un vero e proprio punto di incontro per chi ama la montagna, gestita da Gli Scoiattoli di Cortina, un gruppo di arrampicata amatoriale che gestisce l’intera struttura.

 

Scopri cosa possiamo fare per te: richiedici subito un preventivo


colonnine elettriche belluno

Colonnine elettriche a Belluno

Boom di auto elettriche: arrivano nuove colonnine a Belluno

Riportiamo sul nostro blog l’articolo di Alessia Forzin, uscito sul Corriere delle Alpi, che spiega come la mobilità elettrica sia in crescita e come di conseguenza il comune di Belluno si stia preparando.
Presto le postazioni di ricarica a Lambioi. Oggi in città ce ne sono cinque, tutte private. Cuprum fra i primi a crederci.

 

Sempre più persone acquistano un’auto elettrica

Belluno è pronta ad affrontare la sfida? Se lo chiede Mirko Costa, titolare di Elettromeccanica Cuprum, l’attività che ha installato le prime colonnine per la ricarica in città.
Ce ne sono cinque, al momento, e sono tutte private. Ma anche il Comune si sta muovendo: fra gli obiettivi dati dall’amministrazione a Bellunum, la società che gestisce i parcheggi in città, c’è quello di avviare l’installazione di colonnine per la ricarica delle auto elettriche al parcheggio di Lambioi. Intanto. Poi il progetto potrebbe allargarsi.

«Abbiamo preso contatti con una ditta che potrebbe montare delle colonnine», spiega l’assessore all’ambiente Stefania Ganz. «Abbiamo anche dato mandato a Bellunum di valutare la fattibilità dell’installazione di questi dispositivi al parcheggio di Lambioi». Queste ultime sarebbero quindi pubbliche.

Ma il Comune si sta muovendo anche con soggetti privati: «Stiamo valutando alcune offerte che ci sono state fatte», aggiunge la Ganz. «È vero che nel nostro comune non sono moltissime le auto elettriche, i dati relativi alla fine del 2016 dicono che erano solo cinque quelle immatricolate, ma mi aspetto che d’ora in avanti ci sia un boom e vogliamo farci trovare pronti. Siamo un po’ indietro in questo servizio, in effetti». Ma c’è margine per recuperare.

Oggi gli automobilisti bellunesi che usano un’auto elettrica hanno a disposizione cinque postazioni per la ricarica. Tre le ha installate Cuprum e si trovano al centro medico Salus, al Bed&Wellness di Fisterre e in via Masi Simonetti, di fronte proprio alla sede di Cuprum.

Un’altra si trova nel parcheggio del McDonald alla Veneggia. «Ma non bastano per garantire le future necessità di automobilisti sempre più attenti alla tutela dell’ambiente», afferma l’amministratore delegato di Cuprum Mirko Costa.

Cuprum: i primi ad averci creduto

«Molti proprietari di auto elettriche ci chiedono di usare le nostre colonnine per rifornirsi e per noi è un piacere offrire loro questo servizio. Detto ciò, però, credo che sia di fondamentale importanza che anche altri soggetti creino nuovi punti di ricarica per veicoli elettrici. Ad esempio i titolari delle aziende, che potrebbero dedicare alcuni posti, all’esterno delle loro fabbriche, alle auto elettriche dei dipendenti. Così anche i supermercati. Oppure gli alberghi, i ristoranti e i parcheggi pubblici».
Del resto i dati parlano chiaro: le auto ibride hanno raddoppiato le vendite nel 2017.

Il green, insomma, è il futuro, anche per chi sceglie di spostarsi in auto. «E avere dei punti di ricarica pubblici ed accessibili sarebbe una buona soluzione per migliorare l’appeal di tutta la nostra provincia», conclude Mirko Costa.


impianti per negozi

Impianti per negozi. Tarantola sceglie Cuprum.

Parlando di impianti per negozi, oggi vi raccontiamo di Tarantola e del lavoro che Elettromeccanica Cuprum ha fatto per la catena bellunese che si occupa di cancelleria e materiale artistico.

Prima però di dirvi cosa abbiamo fatto noi, vi diciamo chi sono loro.
Tarantola (link in altra scheda a  nasce nel 1992 a Belluno. Si occupa di vendita all’ingrosso di materiali per la cancelleria, la scuola e l’ufficio. Dal 2010 ha aperto anche un’area dedicata alle belle arti, con prodotti per gli artisti: cavalletti, tele, pennelli, colori e tutto il necessario per dare voce allo spirito creativo. Inoltre dal 2008 Tarantola ha trasformato la vendita al dettaglio, mantenendo i prezzi dell’ingrosso, facendo così risparmiare ai propri clienti oltre il 50% sugli acquisti.

Tarantola, 3 sedi un unico installatore: Cuprum.

La sede principale di Tarantola si trova a Belluno. La secondogenita a Conegliano ed è grande il doppio. La terza verrà aperta tra poco a Pordenone (e questa è grande il quadruplo della prima).

Noi di Elettromeccanica Cuprum abbiamo lavorato in tutte le tre sedi di Tarantola, occupandoci dell’impiantistica, dell’installazione dei sistemi di rilevamento incendio e antintrusione, della video sorveglianza, con le telecamere TVCC e del sistema di trasmissione dati.

Il titolare, Federico Tarantola, ci spiega perché col passare degli anni ha continuato ad affidarsi a noi di Elettromeccanica Cuprum:

“Perchè abbiamo sempre scelto Cuprum? Semplicemente perchè sono i migliori. Lo dico non perchè mi abbiano chiesto di farlo, ma perché è la verità.
Il materiale che Elettromeccanica Cuprum fornisce è di alta gamma (non sotto marche) a prezzi concorrenziali. Il personale è altamente qualificato: veloce e preciso. Non c’è mai stato nessun intoppo nella realizzazione degli impianti e nell’installazione dei sistemi di sicurezza, di rilevamento incendi e di trasmissione dati.

I ragazzi di Cuprum hanno lavorato nella sede di Pordenone, per tre giorni, anche di domenica, in pieno agosto. Le altre ditte a cui avevo chiesto un preventivo mi hanno risposto dicendomi che non sarebbero riuscite ad ultimare il lavoro in meno di 15 giorni. Voi chi avreste scelto?”

Stai cercando il giusto installatore di impianti per il tuo negozio?

Contattaci. Rispondiamo in 24 ore.

 


Incentivi per acquisto di auto elettriche

Incentivi auto elettriche: possono fare la differenza?

Incentivi per l’acquisto di auto elettriche, sviluppo dell’infrastruttura urbana, politiche di promozione e sensibilizzazione riguardo le problematiche ambientali.
Ecco la formula che ha portato la Norvegia ad essere un leader in Europa nel settore delle auto elettriche.

Norvegia, un esempio per tutti

In Norvegia un’auto su tre è un veicolo con motore completamente elettrico, vale a dire il 40% del totale. L’obiettivo è quello di arrivare al 100% di auto elettriche, entro il 2025.  Questa fiducia nella crescita è giustificata dai progressivi e costanti acquisti, fatti dai cittadini norvegesi negli anni, che mostrano un grande interesse per questo nuovo tipo di mobilità.

Il motivo del successo dei veicoli elettrici in Norvegia sta soprattutto negli incentivi che lo Stato offre: chi acquista una macchina elettrica della grandezza media risparmia con le sovvenzioni almeno 5.000 euro, oltre ad avere enormi sconti sulla tassa di circolazione e agevolazioni sulle assicurazioni. Se poi l’auto elettrica è davvero grande il risparmio va oltre i 9.000 euro.

Il problema che ora la Norvegia deve affrontare è riuscire ad offrire una rete ben strutturata di colonnine elettriche per la ricarica dei veicoli, dato che il 60% dei cittadini non dispone di un garage dove poter installare una colonnina privata e quindi è necessario aumentare le postazioni lungo le strade del Paese.

La soluzione è, in parte, già in fase di attuazione grazie alle normative e agli investimenti che il Governo stesso ha pianificato per le prospettive di sviluppo.

Incentivi auto elettriche, non solo la Norvegia

La Svezia ha deciso di investire molte risorse per rendere i propri trasporti più efficienti ed ecologici, partendo da un investimento iniziale di 700 milioni di corone a cui poi sono stati aggiunti altri 500 milioni. Tali fondi saranno utilizzati sia per la creazione di postazioni di rifornimento elettriche (e non solo), sia per migliorare treni, autobus, car-sharing e car-rent.

In Olanda, altra nazione all’avanguardia sul tema delle auto elettriche, mette a disposizione dei suoi cittadini un bonus di 10.500 euro per l’acquisto dei nuovi veicolo. Questo perché il Governo olandese si è prefissato l’obiettivo di vietare la vendita delle auto a benzina e a diesel entro il 2035.

Anche la Francia ha obiettivi simili, seppur nel 2040. L’azienda Renault è già impegnata in questo tema da anni e non vuole farsi scappare l’occasione di essere leader nel mercato delle auto elettriche, tant’è che dal 2009 è impegnata nella ricerca per lo sviluppo di veicoli completamente elettrici e ibridi.
Inoltre la Francia nel 2016 si è distinta per numero di immatricolazioni di veicoli elettrici (27.307), battendo pure la Norvegia (seconda classificata con 24.221 nuove immatricolazioni).

Infine anche Germania e Regno Unito hanno dato il loro contributo con un numero medio di 12.000 nuovi veicoli.

Ora c’è da sperare che anche gli altri governi europei capiscano l’importanza di questa nuova mobilità e si muovano, puntando a raggiungere obiettivi quanto più simili a quello norvegese. I dati sulle auto con motorizzazione ibrida, sono molto incoraggianti: dal 2016 sono aumentate del 61% in tutta Europa.

Incentivi auto elettriche, Cina e USA

Nel resto del mondo grandi potenze mondiali come Cina e USA stanno facendo crescere il mercato delle auto elettriche grazie ai grandi investimenti che stanno operando.

Per esempio la Cina, oltre a offrire un bonus fino a 7.000 euro per l’acquisto di un veicolo elettrico, può contare su 600 mila vetture. Mentre negli Stati Uniti, a parità di bonus, ci sono 115 mila immatricolazioni completamente elettriche.

Incentivi auto elettriche in Italia?

L’Italia purtroppo non riesce a stare dietro le medie europee per quanto riguarda la crescita dei veicoli elettrici, seppur ci siano degli esempi di regioni e città che incentivano l’uso e la dei veicoli elettrici, grazie ai finanziamenti sia europei che regionali.

Uno di questi esempi è la provincia di Bolzano, dove sono previsti infatti ben 4.000 euro sia per cittadini che per imprese, metà a carico della Provincia e metà a carico dei rivenditori.
Sulle strade dell’Alto Adige sono già presenti circa 35 stazioni di ricarica, ma se ne prevedono almeno 20 all’anno in più dal 2018.

A livello nazionale, i primi incentivi sulle auto elettriche sono arrivati nel 2011, grazie ad un investimento di 60 milioni di euro spalmati dal 2011 al 2015, che prevedevano un tetto massimo di 5.000 euro nel 2012, calati poi a 3.000 euro nel 2013 e a 2.000 euro nel 2014 ed infine a 1.000 euro nel 2015.

Le esperienze di Norvegia e Svezia fanno capire come se ci fossero maggiori fondi e una progettazione dei piani di sviluppo più oculata e a lungo termine, si potrebbe fare molto di più.

L’Italia è uno dei paesi con il più alto tasso di macchine per persona in Europa.
Se si facesse maggiore promozione ed informazione su questo tema, potremmo essere tra le nazioni che stanno scegliendo una vita di smart ed ecologica, dando una bella spinta a questo mercato.

Ad oggi gli incentivi previsti per l’acquisto di un mezzo elettrico in Italia sono:

  • esenzione dal pagamento del bollo nei primi 5 anni, dal 6° ne paghi 1/4 rispetto ad un’auto a benzina con gli stessi cavalli fiscali;
  • entrata libera in tutte le ZTL delle grandi città;
  • esenzione dal pagamento nei parcheggi delimitati da strisce blu.

Retrofit, come ti cambio l’auto

Infine, lo Stato italiano ha finalmente legalizzato il Retrofit, ossia la conversione di un veicolo da benzina o gas ad elettrico, senza la necessità di doverlo re-immatricolare, grazie a dei kit omologati.

La procedura per questa operazione prevede l’installazione delle batterie, del supporto di ricarica e il cambio di motore.

Il costo è poco inferiore ai 10.000 euro e permette di convertire la propria vecchia auto in un veicolo elettrico più efficiente. La spesa è poi ammortizzata dai costi inferiori che ci saranno nella gestione dell’auto: la manutenzione (motore e cambio olio), si evita di dover rottamare la propria auto e si possono vendere i pezzi ancora utilizzabili nel mercato dell’usato.

Il futuro della mobilità è elettrico

Sebbene in Italia ci sia ancora molto da fare in questo settore, nonostante l’impegno delle grandi industrie e delle stesse case produttrici di auto, i vantaggi nell’utilizzo di un’auto elettrica sono molti.

I vantaggi

  • I costi per muoversi con le auto elettriche sono decisamente inferiori rispetto al benzina (se non quasi nulli nel caso si abbiano dei pannelli fotovoltaici con la colonnina di ricarica a casa).
  • Il modo in cui si vive questa mobilità è simile a quello del cellulare: si ricarica l’auto a casa, magari di notte, mentre riposiamo. Oppure, durante l’orario di lavoro, lasciata nei parcheggi con la colonnina di ricarica. In questo modo il veicolo è sempre pronto e non c’è bisogno di fare la classica tappa per il rifornimento.
  • L’impatto ambientale è sicuramente inferiore.  È vero che l’emissione di CO2 nella produzione delle batterie delle auto elettriche è ancora alta, ma l’utilizzo di veicoli a benzina (e in parte anche a diesel) esercita un impatto ambientale, sia in fase produzione, sia per l’estrazione e la raffinazione del carburante, molto maggiore.
  • L’autonomia. Ci sono numerosi veicoli, acquistabili già oggi, come ad esempio: la Renault Zoe, che fa 400 km con una carica; la BMW i3, citycar con autonomia di 200 km; e la più famosa Tesla S che arriva fino a 600 km.

Le aziende che ci credono

Molte aziende iniziano a proporre le proprie soluzioni per rendere sostenibile l’utilizzo di auto elettriche. Ad esempio, è notizia di pochi giorni fà l’idea della Toyota di utilizzare le batterie avanzate dai suoi veicoli per creare delle stazioni di ricarica rapida.

Un secondo esempio viene da Tesla che sta cercando di installare le proprie colonnine di rifornimento in più luoghi possibile per garantire ai suoi clienti delle tariffe di ricarica agevolate (se non gratuite per i primi anni).

Tra le aziende che credono ad una nuova mobilità, pulita e alla portata di tutti, ci siamo anche noi di Elettromeccanica Cuprum che abbiamo già installato tre colonnine per la ricarica elettrica, nel Comune di Belluno.

 

Se anche tu condividi i nostri obiettivi e vuoi rimanere aggiornato sulle nostro iniziative, seguici sulla nostra pagina Facebook.

Altrimenti se ti servono informazioni non esitare a contattarci. Rispondiamo in 24 ore!

 


colonnine elettriche per auto elettriche

Colonnine elettriche, l’inizio della mobilità smart.

Nel Piano Nazionale Italiano è previsto, entro il 2020, l’adeguamento delle colonnine elettriche (o wall-box) dedicate alla ricarica di mezzi elettrici. Si spera, infatti, di riuscire a garantire sul suolo nazionale un numero di stazioni tale da servire 130.000 veicoli.

Colonnine elettriche, cosa dice la legge.

Il decreto ministeriale relativo all’adeguamento edilizio, aggiornato nel dicembre 2016, prevede, sintetizzando, la predisposizione obbligatoria di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici, (ma anche quelli che sfruttano il gas naturale e l’idrogeno) negli edifici non residenziali superiori ai 500 mq.
Ma anche negli edifici residenziali abitativi con un numero pari o maggiore di 10 unità, includendo sia quelli nuovi che quelli in fase di restauro.

L’installazione di questi allacci, per delle future stazioni di ricarica, è pensata nelle aree di sosta dei veicoli e prevede un numero di colonnine pari o superiore al 20% dei parcheggi totali.
Un’ottima notizia che offre uno stimolo in più a chi sta già pensando di passare ad un’auto elettrica.

Colonnine di ricarica, dubbi e risposte.

La manovra del Governo, rientra in un piano molto più ampio, di adeguamento nazionale agli standard Europei previsti per l’abbattimento delle emissioni CO2, e non solo. Tant’è che molte grandi aziende sono disposte a investire grossi capitali per arrivare agli obiettivi del 2020.
Anche noi di Elettromeccanica Cuprum stiamo facendo la nostra parte come già dimostrato nel territorio Bellunese.

Oggi sono le aziende a favorire la crescita di questo mercando, facendo fronte ai dubbi e alle perplessità che i cittadini hanno nei confronti dei veicoli elettrici, giustamente comprensibili data la scarsa chiarezza di informazioni che c’è in questo settore.
Le preoccupazioni circa le prestazioni in termini di autonomia di questo tipi di veicoli e la paura di non poter avere la garanzia di un servizio di rifornimento, sembrano giustificati.
Ma la realtà è diversa.

  • Nel 2018 la maggior parte dei veicoli elettrici avranno un’autonomia tra i 500 km e i 700 km.
  • Oggi esistono già molti veicoli elettrici, usati come citycar, perfetti per l’uso quotidiano, soprattutto nelle grandi città.
  • Molte aziende che si occupano del settore energetico e automobilistico stanno inserendo le proprie basi di ricarica nelle varie città d’Italia (e non solo).

Molti stati europei, soprattutto nel Nord Europa, hanno già alzato di molto la media di auto elettriche presenti nelle loro città, grazie ai giusti investimenti e ai generosi incentivi messi a disposizione dai Governi.
Per adesso sono effettivamente dei pionieri e degli esempi da seguire, per capire cosa significhi una mobilità smart basata sulle fonti rinnovabili.

Colonnine elettriche, la situazione italiana.

In questo momento gli italiani, sentendo sulle proprie spalle la responsabilità ambientale, stanno scegliendo sempre più veicoli ibridi (metà elettrici con il sistema plug-in e carburante fossile).

Molte aziende, insieme ai comuni delle grandi città, stanno puntando, con successo, sulla mobilità smart, grazie al car-sharing e al car-rent ma anche con le stazioni di ricarica per le auto elettriche. L’obiettivo è duplice: salvaguardare l’ambiente e spingere gli automobilisti verso una mobilità elettrica ed ecologica.

Colonnine elettriche, gli incentivi in Italia

Il Governo Italiano ha previsto delle agevolazioni circa l’acquisto di un’auto elettrica, anche se servirebbero delle proposte più incisive per favorire la crescita di questo mercato.
Inoltre, in ambito regionale, ci sono diversi bandi che mettono a disposizione dei fondi europei per l’installazione privata di colonnine elettriche al fine di ricaricare il proprio veicolo.

L’impegno di Cuprum per il futuro.

Colonnina di ricarica Cuprum installata a Belluno

Colonnina di ricarica Cuprum installata a Belluno

Elettromeccanica Cuprum da sempre presta molta attenzione ai temi ambientali, puntando sul rinnovabile e proponendo diverse soluzioni che permettono di vivere in maniera ecologica la propria quotidianità.

Crediamo che, soprattutto nelle realtà come il Bellunese, dove il rapporto con l’ambiente naturale è più stretto, puntare sulle rinnovabili sia un obbligo.

D’altronde la nostra posizione in questo ambito è chiara: abbiamo già installato alcune colonne di ricarica a Belluno per favorire la mobilità con mezzi elettrici e abbiamo fondato un servizio di e-bike rent per permettere di visitare il nostro territorio in modo facile, divertente ed ecologico.

Se sei interessato a rimanere informato sugli sviluppi di questo settore, ti invitiamo a leggere gli altri articoli del nostro blog.

Altrimenti se vuoi informazioni su possibili incentivi statali da richiedere per il tuo impianto fotovoltaico o la tua colonnina di ricarica contattaci pure! Rispondiamo in 24 ore.

 


Chiedi di essere contattato da Cuprum!
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Seguici su facebook